Sorgenti interrogative sulla relazione del generale ruso Surovikin e Prigozhin tras la breve insurrezione di Wagner

Sorgenti interrogative sulla relazione del generale ruso Surovikin e Prigozhin tras la breve insurrezione di Wagner

(CNN) — Uno è conosciuto come il «General armagedón», l’altro come lo «Chef de Putin». Ambos ha un passato accidentale e una reputazione di brutalità. Uno lanzò la insurrezione; el otro, al parecer, la conocía de antemano. Y ahora mismo no se conoce el paradero de ninguno.

Yevgeny Prigozhin Wagner

Yevgeny Prigozhin, jefe del mercenario grupo Wagner.

Il comandante delle forze aeree russe, Sergey Surovikin, e il jefe del grupo Wagner, Yevgeny Prigozhin, non han sido vistos en público desde hace días, e media que se ciernen interrogantes sobre la papel que Surovikin pudo haber desempeñado en el efímero motín de Prigozin.

Il Cremlino ha guardato al silenzio sul tema, imbarcandosi in cambio in una campagna aggressiva per riaffermare l’autorità del presidente della Russia, Vladimir Putin.

Esto es lo que sabemos sobre los dos hombres en la mira.

¿Qué ocurrio?

In questi millenni, la versione in russo del diario indipendente Moscow Times citava due fonti anonime di Defensa che affermavano che Surovikin aveva sido detenuto in relazione al motín fallido. La CNN non ha potuto verificare la forma indipendente di questa affermazione.

Un blog popolare conosciuto con il nome di Rybar ha detto che sono miercoles che «non hanno visto Surovikin dal sábado» e dicono che nadie sabía con certezza dov’è incontrato. «Existe la versión de que está siendo interrogado», añadió.

El conocido periodista ruso Alexey Venediktov, exdirector de la desaparecida emisora ​​de radio Eco de Moscú, ha anche affermato che sono le miercoles che Surovikin llevaba tres giorni senza mettersi in contatto con la sua famiglia.

Ma altri commentatori russi sugirieron che il generale non è stato arrestato. Un exlegislador ruso, Sergey Markov, ha detto su Telegram che Surovikin aveva assistito a una riunione a Rostov sono giovani, ma non ha detto come lo sabía.

«Le voci sulla detenzione di Surovikin stanno disperdendo il tema della ribellione con la fine di promuovere l’instabilità politica in Russia», ha detto.

Aumentando le speculazioni, il canale russo di Telegram Baza publicó che dice di essere un breve interlocutore con la hija de Surovikin, in cui afferma di essere in contatto con suo padre e insiste sul fatto che non ha sido detenuto. La CNN non può confermare l’autenticità della registrazione.

¿Por qué todo el mundo habla de Surovikin?

Surovikin fue designado comandante generale de lo que Rusia llama la «Operación Militar Especial» in ottobre.
(Mikhail Metzel/Piscina/Sputnik/Reuters)

Surovikin ha sido oggetto di intense speculazioni sulla sua carta sul motín, dopo che il diario The New York Times ha informato queste miercoles che il generale «tenía conocimiento previo de los planes de Yevgeny Prigozhin de rebelarse contra la cúpula militar rusa». Il periodico citava i funzionari statali che, según afirmaba, hanno ricevuto informazioni dai servizi di intelligence degli Stati Uniti.

Surovikin ha pubblicato un video sulle viernes, proprio quando ha iniziato la ribellione, in quello che ha chiesto a Prigozhin di togliere il movimento poco dopo il suo inizio. Il messaggio video è già chiaro che è stato del lavoro di Putin. Ma le immagini piantano più domande che rispondono al corteo di Surovikin e al suo stato d’animo: appare senza speranza e con un discorso intrattenuto, come se leggesse una guida.

Leer más  El Supremo, ante la ley clave de la reforma de Netanyahu: “Solo la anularemos si da un golpe mortal a la democracia” | Internacional

Al risponditore a una domanda sul reportage del New York Times, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha dichiarato: «Ora ci sono molte speculazioni e voci in merito a queste notizie. Credo che questo non sia più di un altro esempio di ello».

Un funzionario di intelligence europeo ha riferito alla CNN che aveva indizi di quanto molti funzionari di sicurezza russi tengano almeno una conoscenza degli aerei di Prigozhin, e che potrebbe non aver trasmesso informazioni su di loro, prima di cambiare il modo in cui si lanciano.

«Es posible que lo supieran y que no lo contaran [o] que lo supieran y decidieran ayudarle a triunfar. Fieno algunos indicios. Puede que hubiera conocimiento previo», dijo el funcionario.

¿Quién è Yevgeny Prigozhin? 3:24

¿Y qué hay de Prigozhin?

Prigozhin, da parte sua, desempeñó la carta centrale nell’effimera insurrezione: fue él quien ordenó a las tropas de Wagner que tomaran dos bases militares y luego marcharan sobre Moscú.

Por qué lo hizo depende de a quién se le pregunte.

Il proprio jefe di Wagner affermò che tutto era una protesta, più che un vero intento di distruggere il governo. In un messaggio di voz diffuso questo pomeriggio, ha spiegato che il «proposito della marcia era di ostacolo alla distruzione del gruppo Wagner». Il commento sembra essere un riferimento a una dichiarazione del Ministero della Difesa della Russia che si applica direttamente ai contraenti di Wagner, obbligando essenzialmente a cerrar le operazioni lucrative di Prigozhin.

También dijo que quería «levar ante la justicia aquellos que, con sus acciones poco profesionales, cometieron un gran número de errores durante l’operación militar especial», refiriéndose a la guerra de Rusia contra Ucrania con el término «operación militar especial», preferido per il Cremlino.

È chiaro che il Cremlino ve los contecimientos del pasado fin de semana de otra manera. Putin si è riunito al personale di sicurezza russo a Mosca il Martes, affermando che «praticamente detuvieron una guerra civil» al risponditore dell’insurrezione.

Il diario The Wall Street Journal ha informato questi miércoles che funcionarios occidentalis creen que Prigozhin planeaba capturar al ministro della Difesa, Sergei Shoigu, e al generale di alto rango del ejército Valery Gerasimov. In risposta alle domande sull’informazione del diario, due fonti di sicurezza europee affermano alla CNN che, se era probabile che Prigozhin avesse espresso il suo desiderio di catturare i líderes militares russi, non fosse stato valutato se avesse un piano credibile per farlo.

¿Dónde están ora?

Nadie lo sabe. Prigozhin fue visto per l’ultima volta abbandonando la città meridionale di Rostov-on-Don nel sábado, tras breccia bruscamente la marcia dei suoi tropas hacia Moscú.

Questo è stato reso pubblico da un messaggio audio che spiega la sua decisione di tornare indietro ai suoi tropi. Il Cremlino e il presidente di Belarús, Alexander Lukashenko, hanno confermato il sábado che Prigozhin ha accettato di abbandonare la Russia per dirigere Belarús.

Leer más  Detiene a 719 manifestantes en quinta noche de protestas en Francia

Lukashenko ha affermato di aver negoziato un contratto per far sì che Prigozhin venisse esiliato in Bielorussia sin dal momento in cui riceveva carichi penali. Según Lukashenko, il jefe de Wagner llegó al país este martes. Aunque no hay videos ni fotos que mostren a Prigozhin en Belarús, le immagini satellitari di una base aerea alle afueras di Minsk mostrano che due aviones vinculados a Prigozhin atterrizaron allí el martes por la mañana.

En cuanto a Surovikin, il comandante de las fuerzas aéreas rusas non è stato visto pubblicamente dalla notte delle viernes, quando publicó il video.

¿Qué dice el Cremlino?

Non molto. La CNN è stata in contatto con il Cremlino e il Ministero della Difesa della Russia per conoscere il corteo di Surovikin. El Kremlin dijo este miércoles: «Sin comentarios», e un portavoz del Ministerio de Defensa dijo: «No puedo decir nada».

Quando le chiese Putin di seguire la confidenza con Surovikin, Peskov disse durante la sua telefonata diaria con i periodici: «Él [Putin] è il comandante in capo supremo e lavora con il ministro della Difesa [y] con el jefe del Estado Mayor. En cuanto a las divisiones estructurales dentro del Ministerio, les pediría que se pusieran en contacto con el Ministerio [de Defensa]».

Peskov ha anche detto ai periodici che non hanno informazioni sulla sfilata del jefe di Wagner, Yevgeny Prigozhin.

¿Qué más se sabe de ellos?

Prigozhin fue en su dia un estrecho aliado de Putin. Ambos crecieron en San Petersburgo y se conocen desde la década de 1990. Prigozhin ganó millones consiguiendo lucrativos contratos de catering with the Kremlin, loque le valió el apodo de «Chef de Putin».

Ha amplificato il suo rosso, vivendo in una figura oscura caricata per promuovere gli obiettivi politici esterni a Putin. Financió la famosa granja de trols que el gobierno de Estados Unidos sancionó por interferer en las elecciones presidenciales de 2016; creò un’importante fuerza mercenaria che desempì una carta chiave nei conflitti dalla regione ucraina del Donbás fino alla guerra civile siria; e aiutai Mosca ad acquisire influenza sul continente africano.

Ha guadagnato notorietà dopo che la Russia ha lanciato la sua guerra in una grande scalata contro l’Ucraina nel febbraio 2022. Sembrava che il jefe militar privato fosse ganando influenza con Putin a lungo del conflitto, e le sue forze di Wagner svilupparono un film destacado nel laborioso pero finalmente exitoso asalto a Bakhmut a principios de este año.

La toma de esa ciudad fue una delle poche victorias rusas in Ucraina negli ultimi mesi, che aumentó aún más il profilo di Prigozhin.

Le sue fuerze sono state conosciute dalle sue tattiche brutali e la sua fuga è stata presa in considerazione dalla vita umana, e sono state accusate di vari crimini di guerra e altre atrocità. Vari excombatientes di Wagner hanno parlato della brutalità delle sue fuerze. Il proprio Prigozhin ha dichiarato anteriormente alla CNN che Wagner era una «organizzazione militare esemplare che raccoglie tutte le leggi e le norme necessarie delle guerre moderne».

Leer más  Los consejeros de seguridad de EE UU y China se reúnen doce horas en secreto en Malta para tratar sobre Ucrania y Taiwán | Internacional

Aprovechando la sua nuova fama, Prigozhin ha criticato la cúpula militare russa e la sua gestione della guerra in Ucraina, con poche conseguenze. Ma ha incrociato numerose linee rosse con Putin durante la fine della settimana.

Surovikin, da parte sua, è conosciuto in Russia come il «Generale Armagedón», in riferimento alla sua supuesta brutalità.

Sirvió per la prima volta in Afghanistan nel decennio del 1980 prima di comandare un’unità nella seconda guerra della Cecenia nel 2004.

Quell’anno, a seconda dei mezzi di comunicazione russi e di tutti i meno due gruppi di esperti, si ritrovò a un subordinato con tale severità che stava per abbandonare la vita.

Un libro della Fundación Jamestown, un gruppo di riflessione con sede a Washington, afferma che durante il fallido intento di golpe de Estado contro l’expresidente sovietico Mijaíl Gorbachov nell’agosto del 1991, i soldados bajo el mando de Surovikin mataron a tres manifestantis, lo que llevó a Surovikin a pasar al menos seis meses en prisión.

Come comandante in capo delle forze aerospaziali russe durante le operazioni della Russia in Siria, ha supervisionato le avionie da combattimento russe che hanno causato una devastazione generalizzata nelle zone controllate dai ribelli.

In un’informazione del 2020, Human Rights Watch (HRW) lo ha nominato «alguien que puede tener responsabilidad de mando por las docenas de ataques aéreos y terrestres contra objetos e infraestructuras civilis en violación de las leyes de la guerra» durante l’offensiva di Idlib it Siria it 2019-2020.

Los ataques cobraron las vidas de al menos a 1.600 civilis y forzaron el desplazamiento de aproximadamente 1,4 millones de personas, según HRW, que cita cifres de l’ONU.

¿Cómo queda Putin?

Il consenso generale tra funzionari e analisti occidentali è chiaro: in tutti i suoi 23 anni in potere, il presidente della Russia non ha ancora parecido più debole.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha dichiarato alla CNN che Putin ha visto «definitivamente» debilitato dall’effimero movimento e ha affermato che Putin stava «chiaramente perdendo la guerra».

Putin saluta i suoi seguaci in una rara apparizione pubblica 1:23

L’alto rappresentante per la Politica Estera dell’Unione Europea, Josep Borrell, ha detto che la ribellione di Wagner ha dimostrato che Putin «non era l’unico amo nella città» e che «ha perso il monopolio della forza».

Nelle dichiarazioni ai periodici di Bruselas sono giovani, Borrell ha affermato che la comunità mondiale deve essere «molto consapevole delle conseguenze» e ha aggiunto che «un Putin più debole è un sindaco peloso».

In considerazione della sua immagine interna, Putin sembra essersi imbarcato in una campagna di popolarità, cercando di riaffermare la sua autorità.

Negli ultimi giorni ha assistito a un numero insolitamente elevato di riunioni e ha anche visto salutare i membri del pubblico. Si tratta di un cambio radicale di tattica. Putin è rimasto praticamente nascosto per gli ultimi tre anni.

Este miércoles, sin embargo, voló en visita oficial a Daguestán, donde se reunió con funcionarios locales y simpatizantes en las calles de la ciudad de Derbent, según un video publicado por el Kremlin. Este jueves asistió, de nuevo en persona, a un atto imprenditoriale a Mosca.

–James Frater, Nathan Hodge e Caolán Magee hanno contribuito con questo reportage.